HOSPITALITY CAST BENVENUTO

Scegli il tuo corso e prenota la tua camera

Scopri di più
Le storie dei nostri ex studenti / Marco Serlini
01/08/2014

Dalla specializzazione con i grandi maestri ai concorsi internazionali

Lo scorso gennaio ha vinto il Campionato juniores di Pasticceria al Sigep di Rimini con una scultura in zucchero, e presto sarà ospite al Pastry Camp per raccontare la propria esperienza. Lo abbiamo intervistato qualche settimana fa, qui in CAST Alimenti, dove si trovava per frequentare un corso di specializzazione con Eliseo Tonti. “Senza dubbio è uno dei più grandi maestri che si possano incontrare” racconta Matteo Serlini, 21 anni; da quattro dipendente di Sandro Filippini al Dolce angolo di Rezzato. “Il mio titolare, con il quale lavoro ogni giorno, è per me un punto di riferimento importante. È stato lui a mandarmi in CAST Alimenti per frequentare dei corsi di aggiornamento, a partire dalla pasticceria mignon con Stefano Laghi. Le vere basi della professione me le sono costruite così, nella pratica quotidiana in laboratorio e specializzandomi con i più grandi professionisti del settore. Iginio Massari è un modello importante – non solo per i risultati che sa ottenere, ma anche per la sua profonda conoscenza delle materie prime, della storia e della tecnica. E poi c’è Diego Crosara, esperto in ambito artistico, che sa fare e anche spiegare in modo chiaro.”
Una delle passioni di Marco è lo zucchero artistico, tecnica di decorazione che ha studiato insieme a Davide Malizia. La voglia di partecipare ai concorsi è nata invece durante una visita al SIGEP di Rimini: “Ho atteso qualche anno, mi sono preparato e quando ho sentito di essere pronto ho partecipato al campionato juniores. Ed è andata bene.” Prossimo obiettivo? Il campionato di zucchero artistico che si terrà a novembre in Lussemburgo. “Mi sto allenando con Davide Malizia, ma non ho ancora deciso quale scultura presentare” racconta. “Partecipo ai concorsi per sfidare prima di tutto me stesso e capire fino a che punto posso arrivare. E naturalmente perché voglio vincere. Non bisogna poi sottovalutare le ricadute nel lavoro di tutti i giorni: preparandomi per le competizioni, imparo l’organizzazione.”

Le storie dei nostri ex studenti / Marco Serlini