Aspettando il Gran Trofeo d'Oro della Ristorazione Italiana 2016
22/02/2016

Educational tour per i docenti che allenano le squadre

Il futuro è dei giovani cuochi: è da questa convinzione che nasce il Gran Trofeo d’Oro della Ristorazione, campionato internazionale che vede sfidarsi ogni anno istituti di formazione professionale e alberghiera d’Europa. La prossima edizione si terrà a Brescia dal 30 marzo al 1 aprile, nelle sale di Palazzo Broletto e nelle aule laboratorio di CAST Alimenti, ma i trenta docenti che allenano le sedici squadre finaliste saranno ospiti di CAST Alimenti già all'inizio di marzo, da martedì 1 a venerdì 4, per l'Educational Tour: un momento di riflessione sulle competenze dei nuovi professionisti e sulle tendenze del mercato. "Fare ristorazione oggi vuol dire utilizzare tecniche e tecnologie innovative" racconta lo chef Marco Martinelli, docente del Corso di alta formazione per cuoco, "valorizzando allo stesso tempo i prodotti del territorio. Tre sono i valori di riferimento: economico, sociale e ambientale. Sempre nell'ottica della sostenibilità, vera parola chiave di una moderna impresa che orienta le proprie scelte al futuro." La terza giornata dell'Educational Tour, dopo le lezioni in aula con gli chef Marco Martinelli e Nicola Michieletto, l'esperto di ristorazione e marketing del turismo Giacomo Pini e la stilista d'arredamento Paola Zanetti, porterà i docenti sul territorio dove potranno incontrare i produttori locali, chef e maestri pasticceri. 

Competizione che festeggia quest'anno la sua decima edizione, nata da un'idea del Maestro Iginio Massari e organizzata dalla Provincia di Brescia e dalla scuola dei mestieri del gusto CAST Alimenti, il Gran Trofeo sceglie come tema del 2016 La ristorazione contemporaneada declinare in un food-concept o format ristorativo che esprima le peculiarità italiane del saper fare impresa in modo eccellente, giovane, dinamico, innovativo ed ecosostenibile. Il tema suggerisce di rivalutare le tradizioni culinarie, riprendendo o facendo riferimento alla cucina delle tradizioni, alla cucina cosiddetta “povera” e anche al “cibo di strada”, come patrimonio culturale italiano da re-interpretare in chiave commerciale. “La nostra scuola crede molto in questa iniziativa” dice Vittorio Santoro, direttore di CAST Alimenti, tra i coordinatori del Gran Trofeo, “perché rispecchia la nostra missione: formare i professionisti del futuro attraverso l’incontro con i grandi maestri e lo scambio tra professionisti. Con le nostre attività didattiche e con manifestazioni come il Gran Trofeo intendiamo preparare i giovani a difendere il nome dell’Italia, i suoi prodotti e l’arte dei mestieri del gusto dentro e oltre i nostri confini.”

Le squadre che partecipano al campionato – dopo un'accurata selezione interna agli istituti scolastici di riferimento – si allenano da molti mesi sotto la guida dei docenti, che durante la gara non potranno però intervenire direttamente. Saranno “allenatori a bordo ring” ma il loro ruolo nella preparazione dei ragazzi è fondamentale. È per questa ragione che la Provincia di Brescia e CAST Alimenti organizzano l'Educational Tour, un evento formativo che coinvolgerà circa 30 insegnanti, in attesa della competizione vera e propria, che vedrà impegnati nella sfida ottanta giovani promesse della cucina italiana. 

 

Aspettando il Gran Trofeo d'Oro della Ristorazione Italiana 2016
Aspettando il Gran Trofeo d'Oro della Ristorazione Italiana 2016
Aspettando il Gran Trofeo d'Oro della Ristorazione Italiana 2016
Aspettando il Gran Trofeo d'Oro della Ristorazione Italiana 2016
Aspettando il Gran Trofeo d'Oro della Ristorazione Italiana 2016
Aspettando il Gran Trofeo d'Oro della Ristorazione Italiana 2016
Aspettando il Gran Trofeo d'Oro della Ristorazione Italiana 2016