Seguici anche su:

Seguici su Facebook Seguici su YouTube Seguici su Twitter RSS CastAlimenti
scarica cataloghi corsi scuola di cucina

Cerca i corsi





DETTAGLIO NOTIZIA

28/04/2009 : I GIOVANI E LE DONNE SCELGONO DI DIVENTARE CUOCHI E E PASTICCERI

Abbiamo svolto un’indagine fra i corsisti che hanno frequentato i corsi preparatori nel 2007 e nel 2008 per un totale di 111 allievi, per i due terzi di pasticceria, i restanti di cucina. In termini di composizione per sesso, il 2007 ha visto il prevalere dei maschi rispetto alle femmine, mentre nel 2008 la composizione si è invertita. L’età media è di 28 anni per la pasticceria, di 32 anni per la cucina. Il grado di soddisfazione che ci è stato riportato rimane molto elevato anche in ambito lavorativo, laddove cessa il clima idilliaco d’aula per conciliare con le esigenze ben più incombenti della produttività. Ma sono i dati numerici che più ci danno conforto: il gruppo è stato suddiviso fra coloro che già avevano un’occupazione e coloro che invece ne erano alla ricerca (come prima occupazione o cambio rispetto all’impiego attuale) e di questi ben il 65% ha dichiarato di aver raggiunto l’obiettivo attraverso: - l’assunzione come apprendista o lavorante in negozi di pasticceria o ristoranti sia in Italia che all’estero (44%) - l’avvio di un’attività propria (32%) con aperture anche verso l’estero per alcuni (Spagna, Belgio, Svizzera e Stati Uniti) e verso strutture di altissimo livello per altri, come essere entrati in organico in qualità di pasticcere presso un hotel cinque stelle lusso di Capri. Il 12% non ha trovato o cercato sbocchi nel settore di studio rinviando in alcuni casi ad un futuro prossimo, mentre l’8% ha scelto l’opportunità di stages gratuiti e a termine presso strutture di prestigio (come dal pasticcere spagnolo Paco Torreblanca), normalmente attraverso contatti e relazioni maturate all’interno di CAST Alimenti. Alcuni corsisti non sono stati raggiungibili. Coloro che invece avevano già un’occupazione o un’attività propria avviata (per lo più di famiglia) hanno riconosciuto il valore aggiunto dato dalla frequenze delle settimane in CAST Alimenti. In particolare, per la pasticceria, il commento ricorrente si è riferito: - alla possibilità di chiarire e migliorare alcuni punti chiave nella realizzazione di produzioni quali gli impasti base - alla raccolta di indicazioni utili alla razionalizzazione gestionale ed organizzativa dell’esercizio - alla raccolta di nuovi spunti inerenti soprattutto attività complementari quali la cioccolateria Per quanto riguarda invece la ristorazione, per attività già avviate, i maggiori riscontri si sono avuti in merito a: - approfondimenti sul tema del pane e dei dessert da ristorazione - l’incontro ed il confronto con una pluralità di chefs professionisti, ciascuno portatore di una propria esperienza maturata sul campo e ricchissima di spunti “esportabili”



ELENCO NEWS


Torna Indietro

I Nostri Partners